Scritto da Alexander il 21/02/2012

Un’amica di famiglia, quando era bambina si è soffocata con un’arachide.

Il nostro cervello già dopo soli 2 minuti di mancanza di ossigeno, subisce danni permanenti.
Questo è ciò che è accaduto tanti anni fa a questa bambina.

Non sono stato presente a quell’evento, ma tale esperienza ha segnato sia mia Mamma, che me: non appena qualcuno in famiglia si soffocava, tutti reagivamo immediatamente per battere energicamente sulla parte alta della schiena della persona che si è soffocata.

secondo i dati ufficiali dell’Istat, il 27% delle morti classificate come “accidentali” nei bambini da 0 a 4 anni avviene per soffocamento causato da inalazione di cibo o di corpi estranei. Passando nelle fasce d’età 5–9 anni e 10–14 anni la percentuale di morti per soffocamento diminuisce progressivamente (11,5% e 4,7%), ma rimane comunque tra le più significative tra le cause accidentali.
Nella fascia di età tra 0 e 4 anni, l’inalazione di corpi estranei è la seconda causa di morte accidentale dopo gli incidenti stradali.

Perchè ti racconto questa storia oggi ?

Per 3 motivi:

  1. ogni anno in Italia oltre 50 bambini al di sotto dei 14 anni (di cui 30 al di sotto dei 4 anni) muoiono ogni anno per soffocamento da inalazione di corpo estraneo.
  2. quest’anno l’azienda per cui lavoro mi ha fatto frequentare un corso di Primo Soccorso, durante il quale ho imparato diverse varianti di tale semplice manovra (per il caso di neonati, di bambini, di donne incinte, di adulti, nel caso in cui il soffocato sono io e non ho aiuto) che tutti possono imparare in pochi muniti di prova. Non servono strumenti e non ci sono rischi di contagio (tipo per esempio durante una respirazione bocca a bocca).
  3. oggi una persona a me cara si è soffocata proprio con un’arachide: la situazione si è risolta per il meglio in pochi secondi, perchè (come ho già raccontato) al secondo colpo di tosse sono già dietro alla schiena della persona in difficoltà e perchè è stata necessaria la manovra più semplice per sbloccare la situazione. Tuttavia, grazie al corso che ho frequentato, ero pronto ad intervenire con manovre più incisive.

Su internet si trovano numerosi video e foto sulle cosidette Manovre di Heimlich e sulle Manovre di Disostruzione Pediatrica (abbreviate con MdD).

Ne riporto qualcuna qui sotto.

Investi 20 minuti del tuo tempo per provarle ed impararle, potrebbe tornare molto utile.

Non c’è modo migliore per impararle, se non provando: usa un’altra persona per fare la prova su adulti e una bambola se non hai bambini.

Per quanto riguarda la forza da applicare durante i colpi sulla schiena, sappi che la colonna vertebrale è sostenuta da tutte le costole (che tra l’altro sono a forma di arco e quindi in grado di attutire bene i colpi), per cui puoi battere con decisione.
Nei neonati, bambini più piccoli e per gli anziani, la parte più delicata è il collo.

Se vuoi essere preparato nel caso del bisogna che provi e impari le manovre ora e memorizza ora sul tuo cellulare i numeri del Pronto Soccorso (che è il 118) e della Guardia Medica Pediatrica (il numero dipende da dove abiti)

Per saperne di più:

Per favore CONDIVIDI e FAI CONOSCERE a più persone possibili queste manovre.  GRAZIE !

 

2 Commenti su “Alcune semplici tecniche che possono salvare vite !”

  1. monica

    molto utile,grazie,scarico le immagini così le riguardo con comodo.

Inserisci un commento

Sono vietati: linguaggio volgare, offese, link affiliati.

Vuoi anche tu una foto nei tuoi commenti? Segui le istruzioni!