Strategie   Vincenti

Come fare la TUA revisione annuale

revisione annualePochi giorni fa ho condiviso in video la mia revisione annuale per il 2014 e siccome ritengo che la fase di riflessione sia quella che ci fa crescere e ci permette di passare ad un livello successivo, sono dell’idea che sia una pratica da fare periodicamente con regolarità: ogni 3, 6 mesi o perlomeno una volta all’anno.

Le decisioni giuste vengono dall’esperienza, l’esperienza viene dalle decisioni sbagliate – Anonimo

E’ la fase di riflessione, mediante l’analisi dei particolari delle nostre esperienze, che ci permette di astrarre e generalizzare concetti (le lezioni apprese) utili per guidarci nei comportamenti pratici.

Fai una revisione di ciò che ha reso speciale gli ultimi 12 mesi (e cosa NON lo ha reso così speciale)

Ripensa agli ultimi 12 mesi, se fai fatica a ricordarti gli eventi, riguarda:

  • gli appuntamenti sul tuo calendario (io ci metto non solo gli appuntamenti di lavoro, ma anche le cose importanti PER ME, in modo da essere sicuro di NON venir distratto da questi obiettivi),
  • il tuo diario 
  • il tuo archivio fotografico

e nota ciò che hai realizzato, ciò per cui sei fiero.

Rifletti anche sui momenti meno belli e a ciò che non vuoi ripetere.

Per aiutarti ho creato un mini ebook che puoi scaricare gratuitamente che contiene domande mirate per guidarti nella tua riflessione: clicca QUI

Ebook Revisione Annuale

Puoi stampare l’ebook per scrivere le tue risposte su carta oppure scrivere direttamente a video nelle caselle di testo e salvare in formato digitale.

Inoltra liberamente questo ebook ai tuoi amici (ti ringrazieranno)

Se invece vuoi fare la revisione annuale assieme ai tuoi colleghi di lavoro, compagni di attività sportiva o amici, QUI (cliccando poi sul tasto “download”) puoi scaricare una versione più visuale, stile presentazione Powerpoint.

 

BONUS SOLO per chi passa all’AZIONE e CONDIVIDE:

Se condividi le lezioni che hai appreso nei commenti qui sotto all’articolo OPPURE privatamente mandandomi una mail

riceverai in regalo il file MP3 “Il Museo delle Lezioni Imparate”: una meditazione guidata, mediante la quale cancelli PER SEMPRE in totale SICUREZZA dal tuo Subconscio le Tue Memorie Limitanti e gli Eventi “negativi” conservando soltanto le Lezioni Apprese da quelle Esperienze (per gentile concessione dello Zio Hack di Migliorati.org).

 

P.S: io per anni ho letto blogs in lingua italiana (pochi) ed inglese (tanti) e ho frequentato corsi, sai quando ho iniziato ad ottenere risultati ?

Quando ho iniziato a mettere in pratica, quando ho iniziato a fare quei maledetti esercizi… 🙂

(e ho realizzato questa lezione proprio da una frase detta dallo Zio Hack… )

Questo è il motivo per cui ho messo come clausola che l’audio lo regaliamo soltanto quando condividerai privatamente o in pubblico nei commenti sotto questo articolo le tue lezioni apprese.

Qualcuno pensa che sono stronzo, a me non importa: io sono un coach, il mio ruolo è quello di aiutarti ad ottenere risultati (non di essere simpatico e amico di tutti).
Che poi lavorando assieme possiamo ANCHE diventare amici, è un altro discorso… (ma non un presupposto).

Sono sicuro che capisci.

Come svegliarti presto

Articoli correlati

8 Commenti

  1. Quest’anno ho imparato che è solo amando me stessa che posso essere felice ed amata da altri.
    Ho imparato quanto donare sostegno sia appagante.
    Ho imparato ad apprezzare libertà che prima temevo e soprattutto ho imparato a fare quello che voglio e non quello che gli altri vorrebbero o si aspetterebbero che facessi…. I miei ‘no’ ora sono meno ribelli e più costruttivi
    Ho imparato a rispettare me stessa prima di tutto e a prendermi cura con amore dei miei bisogni
    Ho imparato che posso risalire anche prima di essere arrivata a toccare il fondo …. Grazie 2015!

  2. Ho imparato:
    – a stare di più nel presente, nel qui e ora, con quello che c’è;
    – che le cose che non servono più, si allontanano semplicemente da noi senza dolore, se non tentiamo di trattenere niente;
    – che bisogna fare spazio per permettere al nuovo di manifestarsi ed entrare:
    – che essere gentili con se stessi aiuta ad essere più felici;
    – che muovere il corpo mette in circolo più energia e buonumore;
    – che posso trovare sempre buoni motivi per essere grata e felice.
    E’ stato un buon anno. Grazie 2015 e benvenuto 2016!

  3. Ciao Alexander,quest’anno ho vissuto un grande fallimento personale. Ho imparato che non si può raccogliere dove non si semina ed io per questo progetto ammetto che avevo seminato ben poco. Per cui…umiliazione cocente ma meritata e pedagogica!
    Buon anno

  4. Quest’ anno ho imparato a non parlare male delle persone…perche e’ facile farlo,basta trovare un difetto ed ingigantirlo ,ecco,quel difetto diventa la persona stessa.Difficile e’ apprezzarne i pregi,capirne la complessita’ e soprattutto capire Che noi non siamo meglio degli altri,non c’e’un premio,o un trofeo per il migliore,la Vita non e’una gara.E “chi e’ senza peccato,scagli la prima pietra”.buon anno a tutti.

    • Difficile e’ apprezzarne i pregi,capirne la complessita’

      WOW Marzia, questo è quello che io chiamo “cogliere il mondo dell’altro” ed è un principio alla base delle relazioni autentiche.
      Infatti il non cogliere il mondo di chi ci sta intorno e il non apprezzarne la complessità e particolarità è uno dei principali motivi per cui le nostre relazioni NON vanno come vorremmo.

Commenti

Newsletter | Tutti gli articoli                     FacebookTwitterG+                                              Privacy policyHome                Torna in cima