Strategie   Vincenti

Disintegra ogni ostacolo e raggiungi i tuoi desideri con un WOOP !

overcome-obstacles

Hai un obiettivo che desideri raggiungere intensamente ?

In questo articolo ti insegno lo WOOP una semplice tecnica in 4 passi, frutto delle ricerche della neuroscienziata Prof.ssa Gabriele Oettingen e che ti permette di distruggere tutti gli ostacoli, che ti impediscono di raggiungere il tuo obiettivo.

Prima però dobbiamo fare un pò di chiarezza.

I limiti del pensare positivo

Il pensiero positivo ha benefici e limiti. Pensare in modo positivo ci aiuta a superare la noia, mentre eseguiamo un compito noioso. Creare fantasie positive ci da piacere. Immaginando vividamente un futuro desiderato, siamo capaci di ingannare il nostro cervello facendogli credere che sia realtà. Esso non distingue la realtà da una situazione vividamente immaginata (come ben sa, chiunque si sia mai svegliato in preda ad un incubo). In questo modo, credendo che la situazione sia reale, il nostro cervello si calma e ci sentiamo bene e rilassati. Non ci sorprende quindi che pensare positivo allievi sintomi depressivi, ma in realtà dura molto poco.

Ora diamo un’occhiata ai limiti o agli effetti negativi del pensare positivo. Contrariamente a ciò che la maggioranza crede, creare fantasie positive diminuisce la nostra energia per fare il duro lavoro necessario per affrontare le sfide coinvolte nel realizzare i nostri obiettivi più sfidanti (rileggi questa affermazione 2 volte, perchè è fondamentale ! ). Quando creiamo le nostre fantasie positive, in qualche modo, inganniamo il nostro cervello facendolo pensare che abbiamo già raggiunto il nostro obiettivo e, invece di caricarci di energia per passare all’azione, ci rilassiamo e non agiamo più.

Il contrasto mentale

Il contrasto mentale è la tecnica in cui la fantasia desiderata viene combinata con l’ostacolo, che ci impedisce di realizzare il nostro obiettivo. In pratica si deve PRIMA pensare al futuro desiderato e POI all’ostacolo, in questo modo si crea una connessione tra i 2 elementi.

Ci sono però 2 regole da rispettare:

  1. NON invertire l’ordine (cioè pensando prima all’ostacolo e poi all’obiettivo desiderato), perchè NON funziona !
  2. L’obiettivo deve essere realizzabile, altrimenti se fai il contrasto mentale con un obiettivo che tu reputi irrealizzabile, il tuo cervello lascia andare il tuo obiettivo, non ci crede.

La focalizzazione d’intenti

Il contrasto mentale diventa ancora più potente una volta che lo combini con la focalizzazione d’intenti. Immagina di essere un programmatore che sta costruendo un software che deve svolgere un qualsiasi compito, per ogni ostacolo che occorre allo svolgimento desiderato del programma, devi prevedere un’istruzione su cosa deve fare il computer per superare l’ostacolo.
In pratica si tratta di scrivere un istruzione del tipo:

SE succede l’evento indesiderato, ALLORA faccio un’azione correttiva

Il WOOP

La Prof.ssa Oettingen ha scoperto mediante i suoi esperimenti che combinando il contrasto mentale con la focalizzazione d’intenti le probabilità di raggiungimento dei propri obiettivi aumentano enormemente. La Oettingen ha denominato la combinazione di queste 2 tecniche con il nome WOOP, dalle iniziali dei 4 passi per implementarla (Wish, Outcome, Obstacle, Plan):

  1. Desiderio. Quale è un tuo desiderio IMPORTANTE che vuoi realizzare nei prossimi ___________ [ definisci entro quando lo vuoi realizzare ] ?
  2. Risultato. Come ti sentirai quando avrai realizzato il tuo obiettivo ?
    Quali saranno i tuoi pensieri e le tue emozioni ?
  3. Ostacolo. Quale è il principale ostacolo che si frappone fra te e il risultato desiderato ?
    L’ostacolo deve essere qualcosa nella TUA sfera di influenza (cioè deve dipendere da TE !)
    Sii spietato/a nel trovare il VERO ostacolo !
  4. Piano. Scrivi la tua azione correttiva usando lo schema: SE / QUANDO ______ [ evento ostacolo ], ALLORA io ______ [ azione correttiva ].

Questo processo va applicato tante volte, quante sono gli ostacoli che hai.

NOTA BENE BENE BENE: l’azione correttiva deve essere un’AZIONE FISICA (per esempio scrivere, fare, chiedere aiuto, spegnere, etc). PENSARE NON è un’azione fisica !

Esempio 1
Desiderio: voglio dare l’esame di diritto fra 30 giorni.
Risultato: Avrò finito tutti gli esami della sessione e potrò andare qualche giorni in vacanza
Ostacolo: mi distraggo spesso andando su Facebook
Piano inefficace: SE sarò pigro e disorganizzato ALLORA ricorderò a me stesso che per vincere ci vuole entusiasmo, organizzazione, autodisciplina e metodo [ presuppone PENSARE e fare leva sulla tua motivazione, che però è evidente che in quel momento non hai, altrimenti staresti già studiando ]
Piano efficace: SE invece di studiare perdo tempo su Facebook, ALLORA spegnerò il telefono e staccherò la batteria [ contiene un’azione PRATICA ]

Esempio 2
Desiderio: voglio raddoppiare i miei guadagni entro la fine dell’anno.
Risultato: potrò estinguere i miei debiti
Ostacolo: ho paura di cambiare lavoro
Piano inefficace: QUANDO la paura di cambiare mi bloccherà chiuderò un attimo gli occhi e mi ricorderò di chi sono [ presuppone PENSARE e difficilmente ti aiuterà ad uscire dalla tua testa, proprio il luogo in cui risiede la tua paura ]
Piano efficace: QUANDO la paura di cambiare mi bloccherà, parlerò con una persona che ha cambiato più lavori, oppure parlerò ad una persona che fa già quel lavoro [ contiene un’azione PRATICA ]

Esempio 3
Desiderio: stare meglio fisicamente
Risultato: sentirmi meglio e avere forze per sviluppare nuovi progetti
Ostacolo: sono pigra
Piano inefficace: Se mi faccio prendere dalla pigrizia reagisco pensando a come mi sentirò meglio e piena di forze e in grado di sviluppare meglio nuovi progetti [ presuppone PENSARE e fare leva sulla tua motivazione, che però è evidente che in quel momento non hai, altrimenti avresti già fatto l’attività fisica ]
Piano efficace: QUANDO mi faccio prendere dalla pigrizia, mi metto le scarpe e vado a correre per soli 2 minuti. [ contiene un’azione FISICA che rompe la tua pigrizia ed inizia a metterti in movimento ]

E ricordati che per ogni singolo obiettivo probabilmente hai diversi ostacoli, perciò applica il processo ed identifica un’istruzione correttiva per OGNI ostacolo.

Ho creato una piccola applicazione online che ti guida attraverso il processo e alla fine (per tua comodità) invia le tue risposte al tuo indirizzo email, così potrai sempre consultarle, nei momenti in cui ti troverai in difficoltà.

 

Crea il tuo WOOPbastano meno di 2 minuti

(è GRATIS e niente spam)

 

Vuoi approfondire ?

Compera il libro “Rethinking Positive Thinking” della Prof.ssa Oettingen

Compera il Libro "Rethinking-positive thinking" Oettingen

Articoli correlati

Commenti

Newsletter | Tutti gli articoli                     FacebookTwitterG+                                              Privacy policyHome                Torna in cima